Enzo Bianchi: che cosa significa mangiare insieme

Tra le voci che hanno ispirato Un paese e cento storie c’è senz’altro quella di Enzo Bianchi, priore della Comunità di Bose. Ecco uno dei suoi tanti articoli dedicati alla condivisione del cibo e della tavola, da “La Repubblica” del 20 dicembre 2012.

Convivialità a tavola significa spazio, tessuto, mosaico di parole scambiate e di immagini create, racconti che seducono. Lì tutti sono uguali, con le stesse possibilità di prendere cibo e di intervenire con la parola: bambini e vecchi, uomini e donne, invitanti e invitati. L’uno parla, l’altro ascolta mentre si mangia: parole che si intrecciamo fino a spegnere ogni diffidenza. E qui occorre l’arte di chi presiede la tavola: l’arte del favorire l’esprimersi di tutti, del disinnescare i rapporti di forza, del contenere con delicatezza i chiacchieroni, dello stimolare i più timidi; l’arte di creare quel clima festoso in cui possono spegnersi i ricordi non buoni, gli antichi contrasti, i rancori taciuti. Come nel pranzo di Babette. Così si scoprono gli altri e li si conosce di più… La convivialità è terreno fertile per esercitarsi in rapporti affettivi che diano gusto alla vita, che ci rallegrino nella faticosa quotidianità che appesantisce tanti nostri giorni…

La "Dirce" su una delle tavole di "Un paese e cento storie" 2012

ladirce

Ti è piaciuto questo articolo? La tua opinione è importante per noi!